Salento Virtuale
Benvenuto nel Forum.
Nome utente:
Password:
Salva la password


Registrazione
Selezione lingua

Hai dimenticato la Password?
  Home   Forums   Calendario Eventi   Responsabili   Libro Ospiti   FAQ     Registrazione
Discussioni Attive | Sondaggi Attivi | Risorse | Utenti | Utenti Connessi | Catalogo Avatar | Cerca
[ Membri Attivi: 0 | Membri Anonimi: 0 | Ospiti: 50 ]  [ Totale: 50 ]  [ Membro più recente: WelcsGome ] Scegli la Tonalità:
 Tutti i Forum
 Gallipoli Virtuale
 Gallipoli Virtuale
 Valutazioni di fine anno
(anche qui: Ospite)
   Tutti gli Utenti possono inserire nuove Discussioni in questo Forum
   Tutti gli Utenti possono rispondere alle Discussioni in questo Forum
Pagina Precedente
 Vers.Stampabile
Autore Discussione Precedente: La buona sanità Discussione Discussione Successiva: TUTELE....
Pag. di 3

nostradamus
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 15/01/2009 :  22:51:39  Mostra Profilo  Aggiungi nostradamus alla Lista Amici
Caro Spartaco, ma ritieni veramente che esista qualcuno che si possa ritenere garantito da chi “si nasconde dietro uno pseudonimo”? Può trattarsi di una persona perbene oppure di un provocatore a cui piace spargere zizzanie o maldicenze o scendere, questo sì che è facile, nel pettegolezzo, nella menzogna e nella volgarità la più colorita. Mettiamoci d’accordo tutti, proviamo a toglierci la maschera e vediamo quanti pubblicamente si sentono davvero obbligati a correggere la forma insieme con la sostanza. Lo sai tu che con una lettera anonima si può demolire e distruggere moralmente un avversario? Dunque, perché tornare sull’argomento della valutazione? È giusto, io credo, che il giudice abbia una precisa identità alla pari del giudicato e poi si continui pure a parlare di politica ma senza fare polemica gratuita. Per chiudere definitivamente il discorso, è solo il mio pensiero, resto dell’avviso che un nickname non può né deve arrogarsi il diritto di valutare un politico che per il fatto che si espone in pubblico e al pubblico del forum ha sì il diritto di conoscere apertamente il parere dei suoi elettori o dei suoi denigratori e critici, ma guardandoli negli occhi.
Riguardo poi al “metodo” di fare politica sai dirmi in quale città o in quale paese, anche il più civile e democratico, esiste la politica ideale, quella partecipata, “capace cioè di mettere sul piano del confronto le cose concrete da fare per la crescita della città ed il benessere dei suoi cittadini”? Non si può sempre mortificare Gallipoli, i cui mali provengono dai suoi stessi cittadini e da una lunga schiera di amministratori. È questa ormai la realtà ovunque. C’era una volta la politica, allorché nelle sezioni di partito si faceva scuola di politica. Abbiamo voluto seguire come un gregge di pecore l’unto del Signore e ci troviamo rappresentati da quelli che passa il convento con le regole che tutti conosciamo. La partecipazione è un "non luogo", fatta di belle parole scritte solo nei programmi elettorali. Poi chi s’è visto s’è visto. In questo modo rispondo con garbo al tuo post, caro Spartaco, ma accetto di approfondire l’argomento e anche confrontare le idee con altri forumisti.
 Paese: Italy  ~  Invii: 29  ~  Membro da: 11/01/2009  ~  UltimaVisita: 05/03/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

moon
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/01/2009 :  08:32:49  Mostra Profilo  Aggiungi moon alla Lista Amici
parole parole parole
anche dette molto bene ma a gallipoli a cosa servono ?
da tutto questo argomento e da come si sono sviluppati gli interventi si è visto solo che vi è una esasperata voglia di apparire fare il consigliere comunale è sicuramente un titolo di cui fregiarsi e con cui riempirsi la bocca quanto poi a rendere conto ai cittadini (forumisti o no) questo è impensabile. accettare delle valutazioni poi! parlare poi guardando negli occhi l'interlocutore che cosa cambia? si può dire in tutta onestà cosa si sta facendo di concreto per questa città?
non so parlare forbito e non mi interesso più di tanto di politica intesa in modo partitico ma vedo che le cose più semplici per migliorare la vita quotidiana non vengono fatte. per questo io sono profondamente daccordo con spartaco quando dice di fare le valutazioni a chi ci amministra (io lo farei a tutti e non solo a quelli iscritti al forum) e come si fa a scuola si rimanda o si boccia !
 Paese: Italy  ~  Invii: 73  ~  Membro da: 04/07/2008  ~  UltimaVisita: 10/05/2010 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

corsaronero
Senior Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/01/2009 :  09:29:34  Mostra Profilo  Aggiungi corsaronero alla Lista Amici
Ciao cari

Prendo atto del pensiero di Nostradamus. Mi chiedo perché tra i tanti politici affacciatisi in questo forum il dialogare con un nik name non abbia dato fastidio, anzi credo che il confrontarsi abbia fatto anche piacere ( a loro smentirmi o meno) visto che il dialogo con loro rimane aperto corretto e costruttivo, e questo è un FATTO. Fra tutti solo al sig. Ferilli e solo a lui il discutere con un nik name risulta d’impedimento e se per altri così non è stato il rifiuto di farlo rimane un suo limite personale. Se pur il Ferilli rimane per me un perfetto sconosciuto, dedico alle sue affermazioni la stessa attenzione che dedico ad altri elementi del forum nonostante i suoi limiti e poco m’importa se il suo sia un nik o un nome. Ora se partiamo del presupposto che dietro un monitor esiste un uomo e che ciò che conta è l’idea espressa di là del colore della sua pelle, della sua religione, della sua fede politica della sua professione o estrazione sociale è evidente come un dettaglio anagrafico come il nome sia insignificante. Grazie al cielo esprimere il parere sul comportamento di un politico non comporta il reato di lesa maestà sia che a farlo sia un nik o un nome. L’affermazione “resto dell’avviso che un nickname non può né deve arrogarsi il diritto di valutare un politico che per il fatto che si espone in pubblico e al pubblico del forum ha sì il diritto di conoscere apertamente il parere dei suoi elettori o dei suoi denigratori e critici, ma guardandoli negli occhi.” Non mi trova d’accordo, i nik esistevano prima dell’avvento di Ferilli, un po’ come se Berlusconi decidesse di giocare a pallacanestro e allora emana una legge che vieta l’impiego di giocatori alti più di un metro e cinquanta. Se lui non ci arriva allora che cambi sport.


Revolucionariamente Saludo
 Paese: Italy  ~  Invii: 135  ~  Membro da: 12/03/2008  ~  UltimaVisita: 23/08/2012 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

nostradamus
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/01/2009 :  11:16:03  Mostra Profilo  Aggiungi nostradamus alla Lista Amici
Anche per me Ferilli rimane un perfetto sconosciuto: non so che fa, a quale colore politico appartiene. Leggo che ha espresso il suo parere con un rifiuto netto, non di partecipare a questo forum ma di essere valutato come esponente politico che, come tale, ha indubbiamente il dovere di dar conto al suo elettorato ed ai cittadini. Non però a degli illustri sconosciuti cui non ha possibilità di replicare in un dibattito sereno. Se spartaco o chi per lui emette la sua sentenza contro Ferilli-politico, costui, per difendersi e contestare critiche ed accuse, a quale soggetto giuridico o cittadino privato può rivolgersi se non ad un tizio o ad un caio qualunque che non è chiamato a rispondere a nessuno del suo operato e del suo giudizio perché son queste le regole del forum, ovvero di questo gioco? Ma vivaddio! La dialettica non avviene solo tra persone civili in carne ed ossa? Qualunque dibattito si fa per ascoltare e rispondere, talora anche con un moderatore, col compito di agevolare e regolare gli interventi allo scopo di un maggior chiarimento a carte scoperte. Bene. È vero, dietro un monitor esiste un uomo, esistono degli uomini che scelgono di dialogare liberamente, pacificamente, sicchè moon, corsaronero, nostradamus si trovano oggi per caso ad interloquire tra loro del più e del meno, confrontandosi amichevolmente e se possibile scambiandosi pure segretamente numero di telefono, indirizzo e così via. Ma come si può pensare che tra questi tre individui, nel chiuso dell’anonimato, si arrivi alla reciproca valutazione, se per una strana combinazione si scoprono parimenti impegnati in politica? Non sarebbe preferibile allora misurarsi e giudicarsi esponendo la reciproca carta d’identità? Chiudo con una proposta. Mi accorgo che c’è tra voi un personaggio quotato politicamente, ma con tanto di nome e cognome. Perché dunque questa discussione non diventa una sala pubblica di dibattito con un moderatore che voglio segnalare nella persona del signor Pindinelli? Sarà l’arbitro giudicante dell’operato dei politici locali e questi con lui dovranno fare riferimento. Gli altri forumisti costituiranno il pubblico. Che ne pensate? Proviamoci e poi nessuno potrà cercare scappatoie. Questo sì che sarà un’opportunità di partecipazione!
 Paese: Italy  ~  Invii: 29  ~  Membro da: 11/01/2009  ~  UltimaVisita: 05/03/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

brenno
Moderatore



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 16/01/2009 :  11:31:40  Mostra Profilo  Aggiungi brenno alla Lista Amici
forse sarebbe il caso di cessare con questa storia del nick-si-nick-no che comincia veramente a diventare noiosa. molti utenti di questo forum erano qui a discutere di tutto (politica compresa) già dal 2004 e non vedo perchè si dovrebbero cambiare le regole solo perchè qualcuno ha deciso di iscriversi con il proprio nome e cognome e non gli è andato bene di essere valutato.
E' un suo problema, nessuno lo costringe a frequentare il forum e poi, infine, ribadisco il concetto che da tempo, tutti noi "coperti" da nick, siamo stati "schedati" e di noi si conosce tutto.
le critiche e i suggerimenti, per come la vedo io, non assumono meno valore perchè ad esprimerli è un utente "anonimo" e non "targato", ci si confronti sui contenuti anzichè continuare a perdere tempo, come dice l'amico elio, sul sesso degli angeli

__________________________________________
Posso resistere a tutto ma non alle tentazioni

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1365  ~  Membro da: 25/07/2001  ~  UltimaVisita: 29/10/2019 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

nostradamus
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/01/2009 :  12:57:16  Mostra Profilo  Aggiungi nostradamus alla Lista Amici
O.K., amico Brenno, stop alle "chiacchiere" perditempo. Si vada pure avanti. La mia era solo una proposta, un modesto contributo a superare qualche difficoltà in corso d'opera. Ho solo tentato di dire la mia restando in tema. A questo punto credo e mi rendo conto che c'è ragione a seguire le regole consolidate. E poi chi c'è c'è. E non se ne parli più. Evitiamo formalismi o formalità. Tutti attenti dunque ai contenuti che è meglio! Solo con questi si può costruire. Bando alle vane polemiche! Cercheremo di dialogare su altri temi, almeno più importanti e coinvolgenti.
 Paese: Italy  ~  Invii: 29  ~  Membro da: 11/01/2009  ~  UltimaVisita: 05/03/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

ElioPindinelli
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/01/2009 :  13:51:00  Mostra Profilo  Visita l'homepage di ElioPindinelli  Aggiungi ElioPindinelli alla Lista Amici
Scusatemi. Ma non capisco (riconosco i miei limiti).
Una discussione alimentata dal nulla concettuale (secondo me, ma ripeto sono i miei limiti) oppure una sostanziale puntualizzazione di fondamentali valori di relazione?
A Ferilli io ho personalmente espresso il mio parere. Ma non ho ricevuto risposte. Egli mi ha guardato negli occhi (non mi nascondo dietro ad un nick) ma tacendo ha contraddetto ciò che aveva affermato in precedenza: mi confronto a viso aperto con chi non si nasconde dietro ad un nick.
Sia ben chiaro, non per pretendere una risposta. Solo per sottolineare che talvolta si fanno questioni di lana caprina.
Allora mettiamola in questo modo. A cosa serve il nick name?
Penso ad evitare una personalizzazione degli interventi ed anche ad evitare che verità spiattellate sul web vengano ricondotte a persone di carne ed ossa che in determinati ambienti provocherebbe il block out delle informazioni e in circostanze particolari le ritorsioni fissiche e morali di parte avversa (a buoni lettori poche parole).
Naturalmente ognuno si prende le proprie responsabilità e ne risponde in sede penale in caso di violazione delle leggi (per questo esiste la polizia postale che su richiesta della Magistratura identifica l'IP di connessione con tutte le conseguenze del caso).
Detto questo mi sembra assurdo che anche politici schierati all'opposizione (così mi sembrerebbe per Ferilli) facciano questioni di riconoscimento degli interlocutori di questo forum dopo che l'Amministrazione comunale di Gallipoli ha dimostrato un eccezionale attivismo nell'impedire il collegamento al forum dagli uffici comunali (che per carità è legittimo) ma soprattutto dopo che sono state diffuse particolareggiate notizie sulla caccia al nick da parte di ben noti personaggi politici di maggioranza tra cui un intrepido ed inossidabile Presidente.
Preambolo questo di natura necessariamente metodologico per pensare che sia appunto assurdo vedere l'opposizione dedicarsi alla medesima attività. Scoraggiare cioè all'uso del nick name ed in conseguenza far arrivare dritto al cuore un messaggio di caratura mafiosa (visto l'ambiente): attenti a quello che scrivete!!!
Amici carissimi che stimo moltissimo, da tempo hanno evitato di intervenire, qualcuno con la scusa che non valesse la pena informare in dettaglio, ma tal'altro per evitarne la riconoscibilità in un ambiente fin troppo compromesso (sono sue parole) con il potere politico sociale ed economico della città.
Posizioni che non condivido e che rispetto, ma che devono però confrontarsi con la necessità di offrire a tutti (iscritti e non a questo forum) notizie, considerazioni, critiche ed osservazioni relative alla vita culturale politica e sociale di Gallipoli. Ciò per consentire una base per la crescita complessiva della libertà di giudizio del cittadino.
Nella prassi delle relazioni sociali il condizionamento è obbligato. Ma nel nostro Meridione tale condizionamento è a volte totale. Al compare si da sempre ragione anche a costo di dichiarare il falso in tribunale. L'omertà è a volte richiamata come cultura locale. Dal politico si chiedono i favori per cui non è utile far conoscere il proprio pensiero (non si sa mai).
Eppure questo forum è riuscito a sollevare problematiche importanti (essenziali direi per la vita democratica di Gallipoli).
Ma, nella fase più calda ed entusiasmante della battaglia (scusatemi il termine ma per me il termine sostanzia la purezza delle scelte) tanti si sono ritirati, altri si sono collocati in quiescenza, ed i pochi rimasti sembrano preferire attorcigliarsi in scadenti conversazioni d'occasioni (tanto per essere presenti).
Con quale risultato?
INTELLIGENTI PAUCA!!!
Elio Pindinelli

 Paese: Italy  ~  Invii: 88  ~  Membro da: 19/03/2008  ~  UltimaVisita: 11/12/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

Antonella Greco
Average Member

Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 16/01/2009 :  15:24:57  Mostra Profilo  Aggiungi Antonella Greco alla Lista Amici



_________________________________
intervengo da moderatore:
ho cancellato il post di antonella greco spostandolo nel thread "correttezza dell'amministrazione" perchè OT


Modificato da - brenno on 16/01/2009 15:56:54
 Paese: Italy  ~  Invii: 43  ~  Membro da: 02/08/2008  ~  UltimaVisita: 05/12/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

busehexe
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 20/01/2009 :  18:45:57  Mostra Profilo  Aggiungi busehexe alla Lista Amici
sei un grande, corsaronero!
quoto al 100% tutto quello che dici


Citazione:
Ciao cari

Prendo atto del pensiero di Nostradamus. Mi chiedo perché tra i tanti politici affacciatisi in questo forum il dialogare con un nik name non abbia dato fastidio, anzi credo che il confrontarsi abbia fatto anche piacere ( a loro smentirmi o meno) visto che il dialogo con loro rimane aperto corretto e costruttivo, e questo è un FATTO. Fra tutti solo al sig. Ferilli e solo a lui il discutere con un nik name risulta d’impedimento e se per altri così non è stato il rifiuto di farlo rimane un suo limite personale. Se pur il Ferilli rimane per me un perfetto sconosciuto, dedico alle sue affermazioni la stessa attenzione che dedico ad altri elementi del forum nonostante i suoi limiti e poco m’importa se il suo sia un nik o un nome. Ora se partiamo del presupposto che dietro un monitor esiste un uomo e che ciò che conta è l’idea espressa di là del colore della sua pelle, della sua religione, della sua fede politica della sua professione o estrazione sociale è evidente come un dettaglio anagrafico come il nome sia insignificante. Grazie al cielo esprimere il parere sul comportamento di un politico non comporta il reato di lesa maestà sia che a farlo sia un nik o un nome. L’affermazione “resto dell’avviso che un nickname non può né deve arrogarsi il diritto di valutare un politico che per il fatto che si espone in pubblico e al pubblico del forum ha sì il diritto di conoscere apertamente il parere dei suoi elettori o dei suoi denigratori e critici, ma guardandoli negli occhi.” Non mi trova d’accordo, i nik esistevano prima dell’avvento di Ferilli, un po’ come se Berlusconi decidesse di giocare a pallacanestro e allora emana una legge che vieta l’impiego di giocatori alti più di un metro e cinquanta. Se lui non ci arriva allora che cambi sport.


Revolucionariamente Saludo


Originariamente inviato da corsaronero - 16/01/2009 :  10:29:34



___________________________________________________
Amerai sempre il mare, uomo libero. E' il tuo specchio.
 Paese: Italy  ~  Invii: 205  ~  Membro da: 20/02/2008  ~  UltimaVisita: 11/06/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina
Pag. di 3 Discussione Precedente: La buona sanità Discussione Discussione Successiva: TUTELE....  
 Vers.Stampabile
Pagina Precedente
Vai a:
 Image Forums 2001 Questa pagina è stata generata in 1,86 secondi Powered By: Snitz Forums 2000