Salento Virtuale
Benvenuto nel Forum.
Nome utente:
Password:
Salva la password


Registrazione
Selezione lingua

Hai dimenticato la Password?
  Home   Forums   Calendario Eventi   Responsabili   Libro Ospiti   FAQ     Registrazione
Discussioni Attive | Sondaggi Attivi | Risorse | Utenti | Utenti Connessi | Catalogo Avatar | Cerca
[ Membri Attivi: 0 | Membri Anonimi: 0 | Ospiti: 29 ]  [ Totale: 29 ]  [ Membro più recente: Dumpsspot ] Scegli la Tonalità:
 Tutti i Forum
 Gallipoli Virtuale
 Gallipoli Virtuale
 sparatoria a gallipoli
(anche qui: Ospite)
   Tutti gli Utenti possono inserire nuove Discussioni in questo Forum
   Tutti gli Utenti possono rispondere alle Discussioni in questo Forum
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Vers.Stampabile
Autore Discussione Precedente: LeccePrima.it Discussione Discussione Successiva: Ci l''ave vistu?
Pag. di 3

moon
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 15/09/2008 :  18:55:20  Mostra Profilo  Aggiungi moon alla Lista Amici
sono proprio le parole che volevo dire io
quoto pienamente besehexe
 Paese: Italy  ~  Invii: 73  ~  Membro da: 04/07/2008  ~  UltimaVisita: 10/05/2010 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

Luigi De Tommasi
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 15/09/2008 :  19:33:08  Mostra Profilo  Aggiungi Luigi De Tommasi alla Lista Amici
Cari amici,oggi è una giornata importante per Gallipoli e per i gallipolini onesti. L'iniziativa del senatore Mantovano che da lungo tempo non faceva sentire la sua voce a Gallipoli, ha riempito il nostro cuore di una grande speranza e spero che ora gli amministratori facciano molta attenzione nella loro attività pubblica.
In occasione dell'omicidio di Padovano il Sindaco Venneri tra le farneticanti affermazioni ha pure dichiarato che i gallipolini hanno nel DNA i principi della correttezza e della trasparenza.
Non dubito sulla correttezza e sulla trasparenza della gran parte dei miei concittadini, ma ho dei seri dubbi che tali elementi siano sempre presenti nella quotidiana attività amministrativa del Comune di Gallipoli per precisa stratergia del nostro Sindaco condizionando l'agire dei Dirigenti che sono costretti ad assecondarlo.
Ne è un esempio la delibera della Giunta Comunale N° 80 con la quale si è deciso,giustamente, di promuovere azione giudiziaria nei confronti della GESTOR per il recupero delle somme non versate ed anche per una eventuale fase stragiudiziale (non si capisce perchè tale attività non l'abbia potuta svolgere il nostro Ufficio Legale composto da due avvocati),ma anzichè limitarsi a dare le necessarie direttive al Dirigente sulla nomina o meo di un avvocato esterno,si è arrvati ad indicare nome e cognome dell'avvocato invitandolo anche a fare domanda per essere incluso nell'elenco dei professionisti. La competenza ad affidare gli incarichi compete al Dirigente che li affida con le modalità previste dal regolamento assicurando preliminarmente il principio della rotazione tra gli iscritti. In sostanza la Giunta si sostituisce al Dirigente che accetta di non compiere il proprio dovere e di svolgere il lavoro per il quale è pagato e valutato, perchè probabilmente non se la sentiva di cambiare rotta rispetto alle corrette procedure seguite fino a quel momento,lasciando la responsabilità alla Giunta
E' da notare che nella delibera non c'è più il parere di conformità giuridico amministrativa del Segretario Generale che ha evitato di apporlo oppure ha deciso,naturalmente avvisando il Sindaco,di non apporre più tale parere che invece è sintomo di correttezza e trasparenza. Sig. Prefetto, sen. Mantovano, Sig.Giuseppe Barba mio ex compagno di liceo, in passato molto attento sulla correttezza e legittimità degli atti, iniziamo a fare chiarezza sul perchè si violino le norme di legge e si compiono atti illegittimi nella completa indifferenza e incoscenza degli amministratori. A presto con altri elementi.
 Paese: Italy  ~  Invii: 55  ~  Membro da: 05/08/2008  ~  UltimaVisita: 08/12/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

popolacciogallipolino
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 15/09/2008 :  19:37:52  Mostra Profilo  Aggiungi popolacciogallipolino alla Lista Amici
si si davvero bravo,
io non credo che Gallipoli sia diventata una cittadina mafiosa, certo non posso dire di averla conosciuta bene durante gli anni bui ma posso dire di vivere con gli occhi abbastanza aperti oggi per dire che gallipoli non è una cittadina mafiosa.
Quello che voglio dire e sopratutto senza senza essere frainteso è che non riesco a tastare con mano una rete di persone o un organizzazione che impone a commercianti o cittadini facoltosi ed amministratori comunali la propria volontà, non riesco a intravedere come un tempo luoghi e ragazzi dediti allo spaccio, mai come adesso non si sentono atti di microcriminalità che sono poi quelli che i cittadini piu' subiscono ed odiano, anzi noti criminali di un tempo lavorano e cercano di tirare avanti con i proventi delle nuove attività intraprese.

Un evento criminoso di altissimo spessore è accaduto e da li che bisogna partire per studiare se effettivamente si stava riorganizzando la scu o meno pero' per favore non criminalizziamo tutta la città, ho udito parole dure nei confronti di commercianti e politici e verso coloro che sono andati al funerale, SALVATORE PADOVANO ERA ANCORA UN MAFIOSO O UN EX GALEOTTO CHE VOLEVA RISCATYTARSI E VIVERE CON LA PROPRIA FAMIGLIA???

questa penso che sia la prima domanda a cui bisogna rispondere....



popolaccio

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 278  ~  Membro da: 06/04/2003  ~  UltimaVisita: 20/02/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

brenno
Moderatore



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 15/09/2008 :  19:44:53  Mostra Profilo  Aggiungi brenno alla Lista Amici
ho ascoltato la dichiarazione rilasciata da mantovano alle varie emittenti presenti stamane a gallipoli.
Sono state parole dure e ferme, ha dichiarato che senza ombra di dubbio saranno vagliate le posizioni di tutti i commercianti che hanno abbassato le saracinesche e hanno esposto il "lutto di rispetto". esprimere il lutto non è da condannare ma ha voluto sottolineare che, comunque, è stata anomala tutta quella presenza di gente ai funerali.
Ho anche ascoltato le dichiarazioni di maritati che vuole chiedere ai gallipolini di scendere in piazza a manifestare contro la delinquenza. Egli ha anche stigmatizzato il comportamento di tutti i politici (chiunque, ha detto maritati) che hanno presenziato ai funerali, sottolineando il fatto che, comunque, non è stato un atto "intelligente".
Continuando a fare zapping, alle 20.55 sono incappato nel TN8 News e ho ascoltato una notizia che mi ha stupito: la giornalista ha detto che indiscrezioni trapelate stamane dopo il summit di mantovano portano a credere che il consiglio comunale di gallipoli potrebbe essere sciolto per infiltrazioni mafiose a causa delle dichiarazioni di cordoglio rilasciate a mezzo stampa da parte di venneri, a causa della sua visita per esprimere le condoglianze e poi anche per il fatto che in consiglio comunale siede il cugino di padovano, eletto nella lista del pd ma poi passato alla maggioranza. In verità la giornalista non ha fatto il nome ma naturalmente si tratta di giancarlo padovano.
Non mi esprimo sulle scelte di venneri e di altri politici, mi si potrebbe accusare di essere di parte o di essere il solito demolitore.
mi abbandono però ad una riflessione: già nel 1991 il consiglio comunale di gallipoli fu sciolto per infiltrazioni mafiose, ora, dopo più di 15 anni, torniamo di nuovo a vivere quelle atmosfere.....
qui le cose cominciano a diventare serie, non si parla più di politici impreparati e inconcludenti, qui si parla di collusione con la criminalità organizzata.
Voglio augurarmi che non si debba giungere allo scioglimento del consiglio ma spero che almeno in questa occasione i gallipolini vogliano riappropriarsi della legalità che gli spetta. Spero vivamente che vogliano allontanare dalla Città questi fantasmi che sempre più minacciosi appaiono all'orizzonte.
Mi piacerebbe che una volta per tutte la classe politica riacquisti la propria dignità e faccia in modo da ristabilire ordine e legalità in questo paese dimenticato da Dio e allontanato dagli Uomini....

__________________________________________
Posso resistere a tutto ma non alle tentazioni

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1365  ~  Membro da: 25/07/2001  ~  UltimaVisita: 28/10/2020 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

b.palumbo
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 15/09/2008 :  21:01:21  Mostra Profilo  Aggiungi b.palumbo alla Lista Amici
No Brenno, questo paese non è stato dimenticato da Dio, anzi è sempre benedetto. E' invece maledetto dagli uomini, e per primi da noi che siamo di Gallipoli e che assistiamo, inermi ed inerti, allo sfacelo prima di tutto morale di questa città. Le parole di Mantovano oggi, ampiamente riportate dalle emittenti locali, e domani dalla stampa, sono da sottoscrivere in pieno, una per una; e per questo il sottosegretario ha il mio plauso. Tardivo, leggermente tardivo, è invece l'intervento di altri politici, che sembrano seguire le orme del sottosegretario, per non rimanere indietro. Ma comunque non è mai troppo tardi. Occorre una vera e propria rifondazione morale e culturale di questa città: per farlo occorrono nuove generazioni, che però non paiono dimorare in Gallipoli, visto che come ha detto paolo73 gli allievi hanno dimostrato di superare i maestri.
 Paese: Italy  ~  Invii: 35  ~  Membro da: 06/05/2008  ~  UltimaVisita: 11/04/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

brenno
Moderatore



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 15/09/2008 :  21:13:22  Mostra Profilo  Aggiungi brenno alla Lista Amici
che tristezza allora amico mio!
certo anch'io sottoscrivo in pieno le parole di mantovano specie quando afferma che ci saranno dei regolari controlli, quasi ad affermare che lo Stato, una volta tanto, non farà finta di non vedere ma, anzi, terrà gli occhi ben aperti sulla nostra realtà.
Dici che occorrono nuove generazioni affinchè ci si possa affrancare da cattiva politica e pessima amministrazione? certo a sentire come si esprime un rappresentante eletto in consiglio comunale, parlo di quel caiffa della "dichiarazione d'amore" a venneri (a proposito, i miei complimenti all'arguta battuta di ferilli), non posso fare a meno di pensare che, forse, siamo ancora lontani da ciò......ma forse non servono solo le nuove generazioni, forse servono gli Uomini (quelli con la lettera maiuscola) indipendentemente dall'età!
la fede nel futuro non mi è mai mancata come l'ottimismo, spero di non sbagliarmi neppure stavolta!

__________________________________________
Posso resistere a tutto ma non alle tentazioni

Modificato da - brenno on 15/09/2008 21:15:10
 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1365  ~  Membro da: 25/07/2001  ~  UltimaVisita: 28/10/2020 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

paolo73
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  00:00:27  Mostra Profilo  Aggiungi paolo73 alla Lista Amici
Citazione:
brenno Inviata - 15/09/2008 : 22:13:22
che tristezza allora amico mio!
certo anch'io sottoscrivo in pieno le parole di mantovano specie quando afferma che ci saranno dei regolari controlli, quasi ad affermare che lo Stato, una volta tanto, non farà finta di non vedere ma, anzi, terrà gli occhi ben aperti sulla nostra realtà.
Dici che occorrono nuove generazioni affinchè ci si possa affrancare da cattiva politica e pessima amministrazione? certo a sentire come si esprime un rappresentante eletto in consiglio comunale, parlo di quel caiffa della "dichiarazione d'amore" a venneri (a proposito, i miei complimenti all'arguta battuta di ferilli), non posso fare a meno di pensare che, forse, siamo ancora lontani da ciò......ma forse non servono solo le nuove generazioni, forse servono gli Uomini (quelli con la lettera maiuscola) indipendentemente dall'età!
la fede nel futuro non mi è mai mancata come l'ottimismo, spero di non sbagliarmi neppure stavolta!



voglio quotare brenno e grassettare le ultime sue parole... è quello che voglio dire anche io caro biagino e spero che non sia stata fraintesa la battuta degli allievi che superano i maestri che per me significa solo prendere atto della incredibile perdita di valori della società attuale senza però dimenticare che alcune delle cause vengono dal passato.

P.S. Brenno hai ragione è bella la battuta di Ferilli ma per come lo conosco da questo punto di vista ti assicuro che è proprio nella sua indole uscirsene con battute azzeccate quindi aspettatene altre...
 Paese: Italy  ~  Invii: 394  ~  Membro da: 22/10/2007  ~  UltimaVisita: 22/05/2010 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

busehexe
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  07:43:39  Mostra Profilo  Aggiungi busehexe alla Lista Amici
hai ragione Biagio quando dici
Citazione:
Occorre una vera e propria rifondazione morale e culturale di questa città

.....di questa nazione, direi io.....ma il guaio non sono le nuove generazioni.....o le vecchie.....le une sono il frutto delle altre

il rispetto delle regole, l'onestà, la rettitudine, la lealtà, la correttezza, il rispetto degli altri devono tornare a essere i valori in cui tutti crediamo

se vogliamo che qualcosa cambi, bisogna che ognuno di noi si faccia carico delle sue responsabilità: politici, giornalisti, genitori, insegnanti, medici, forze dell'ordine, avvocati, ecc.
bisogna che ognuno faccia, nel suo piccolo, il suo dovere e non solo il suo tornaconto.....

mi domando: a che servono denaro e potere se poi dobbiamo vergognarci di noi stessi?


___________________________________________________
Amerai sempre il mare, uomo libero. E' il tuo specchio.
 Paese: Italy  ~  Invii: 205  ~  Membro da: 20/02/2008  ~  UltimaVisita: 11/06/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

libero
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  10:26:40  Mostra Profilo  Aggiungi libero alla Lista Amici
Complimenti Busehexe le tue parole sono vera poesia !!!!! Però a volte la realtà può sembrare diversa,purtroppo! Cerchiamo tutti e dico tutti di tornare alla legalità ; sottolineo il tutti non riferendomi al fatto specifico perchè di legalità e di reali punti di riferimento noi LIBERI cittadini ne abbiamo reale bisogno!!!
 Paese: Italy  ~  Invii: 326  ~  Membro da: 09/07/2008  ~  UltimaVisita: 20/03/2010 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

gazzella 54
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  11:35:36  Mostra Profilo  Aggiungi gazzella 54 alla Lista Amici
Bisognerebbe indagare per controllare tutti quegli sconosciuti pseudo politici che virtu' dello SPIRITOSANTO sono stati suffragati con quattrocento e passa voti,potrebbe uscir fuori qualcosa.
 Paese: Italy  ~  Invii: 686  ~  Membro da: 21/02/2008  ~  UltimaVisita: 31/03/2012 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

popolacciogallipolino
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  16:49:44  Mostra Profilo  Aggiungi popolacciogallipolino alla Lista Amici
se ti riferisci al consigliere Padovano da quellop che posso sapere io non si salutava nemmeno con la vittima, i rapporti pare che non erano buoni, poi chissa' ! comunque ci sono gli investigatori che investigano e quindi possiamo stare tranquilli

popolaccio

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 278  ~  Membro da: 06/04/2003  ~  UltimaVisita: 20/02/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

democratico
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  17:33:23  Mostra Profilo  Aggiungi democratico alla Lista Amici
Devo dire che davanti a ciò che è successo nei giorni scorsi, cioè l'omicidio di Padovano e, soprattutto, dopo le incredibili dichiarazioni di solidarietà del Sindaco, del Senatore Barba e di altri politici, e poi la folla ai funerali e le saracinesche abbassate, la prima cosa che ti viene in mente è quella di lasciar perdere tutto, di chiuderti nel tuo orticello e di non pensare a queste cose.
Devo dire però che la forte presa di posizione del Sottosegretario Mantovano, e l'incitamento a ribellarsi venuto da uomini come Ria e Maritati, servono a darti una carica, a non sentirti solo. Dio non voglia che qualcuno a Roma, per darsi ancora un'immagine di fermezza e di lotta alla malavita, non decida, come nel novanta di sciogliere il Consiglio Comunale per presunte infiltrazioni mafiose. Non lo meriterebbe la città ed i gallipolini.
Ma a questi gallipolini occorre che una buona volta per tutte qualcuno parli chiaro, esca fuori dal politichese e dica chiaro e tondo che la strada che abbiamo imboccato ci porta dritti dritti verso il disastro. Vorrei proprio che tutta la politica, non una sola parte, desse segnali veri di rinnovamento, non solo negli uomini (che pure tarda ad arrivare) ma anche nei metodi (gli eletti con più di 400 voti, seppur giovani e belli, hanno tutti le carta a posto?).
Vorrei che la cosidetta società civile, quella che frequenta i buoni salotti, i teatri, le parrocchie, le confraternite e le associazioni di volontariato, la smettesse di avere la puzza sotto il naso per la politica e si riprendesse a piento titolo ciò che è suo.
Non aspettiamo un altro scioglimento di consiglio comunale, e neanche un altro fatto grave di cronaca che ci faccia scoprire quanto fragile è il nostro tessuto sociale. Non possiamo permettercelo nè per noi nè per i nostri figli!
 Paese: Italy  ~  Invii: 42  ~  Membro da: 01/03/2008  ~  UltimaVisita: 23/01/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

popolacciogallipolino
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  18:03:43  Mostra Profilo  Aggiungi popolacciogallipolino alla Lista Amici
Citazione:
Documento Dia: «Ecco i clan mafiosi salentini»


Nella seconda relazione semestrale del 2007 la Direzione investigativa antimafia (Dia) ha tracciato la situazione della criminalità organizzata nel Salento indicando fra i clan attivi anche quello di Padovano. Ecco il testo del documento.

«Il gruppo PADOVANO, attivo in Gallipoli, esercita influenza nel basso Salento, forte anche dell’av - vicinamento ai TORNESE di Monteroni. Infatti, in Casarano, un pluripregiudicato del luogo, già appartenente all’ex sodalizio della S.C.U. dei “Giannelli”, avrebbe costituito un proprio gruppo autonomo dedito al traffico di stupefacenti, con l’approvazione del gruppo PADOVANO. Anche nel limitrofo comune di Matino si colgono segnali di attivismo nel commercio di stupefacenti da parte di personaggi “vicini” ai PADOVANO/TORNESE.

Pure a Galatina, ove già operava il gruppo COLUCCIA, in atto ampiamente disarticolato, si registra la presenza di soggetti che intenderebbero colmare il vuoto esistente nel tessuto criminale, potendo contare sull’appoggio dei PADOVANO.

A Monteroni permane il sodalizio TORNESE, nonostante la detenzione dei capi della consorteria. L’ultimo semestre è stato caratterizzato da una serie di atti intimidatori posti in essere nei confronti del detenuto MARTINO Alessandro, già reggente del 246 prefato sodalizio, con l’affissione in Monteroni di manifesti a lutto che falsamente ne annunciavano la morte, con il danneggiamento dell’abitazione di una sua parente e l’incendio dell’auto di un suo affiliato.

Nel nord Salento, il gruppo DE TOMMASI starebbe attraversando un periodo particolarmente delicato a causa della mancanza di affiliati in stato di libertà capaci, per caratura criminale, di ricompattare il sodalizio. Pertanto, il territorio sembra subire l’influenza di realtà criminali dislocate nei comuni limitrofi del brindisino (San Pietro Vernotico, Cellino San Marco e Torchiarolo), che, pur potendosi registrare presenze di soggetti contigui ai DE TOMMASI, si dimostrano particolarmente attive nel commercio di stupefacenti nei comuni di Campi Salentina, Squinzano e Trepuzzi».

stranamente non avevo mai letto ne visto il sito comunque la relazione è leggibile all'indirizzo : http://www.interno.it/dip_ps/dia/index.htm
c'e' tutta la storia criminale del sud : camorra, ndragheta, mafia, e il fenomeno pugliese che non puo' dirsi una vera e propria mafia

sono perfettamente daccordo con libero speriamo bene e speriamo pure che vecchi rancori tra politici non trasformino le cose.....


questo l'ho trovato su internet: articolo integrale: http://www.mantovano.org/mezzogiorno_25_5_6.htm



Citazione:
Per questo cinquantenne, ex consigliere regionale e neosenatore di Forza Italia, che ora, dopo aver portato la sua squadra in C1, s'è messo in testa fare anche il sindaco. Per questo ricchissimo petroliere, già noto alle cronache politiche per aver, nel 2001, sapientemente distribuito i suoi favori. Un po' verso il deputato di Gallipoli, Massimo D'Alema, che rischiava il tutto per tutto contro l'astro nascente di An, Alfredo Mantovano. Un po' verso l'amico suo e di Raffaele Fitto, quel Giuseppe Venneri, che appena eletto sindaco si lasciò sfuggire, a telecamere accese (quelle della trasmissione di RaiTre L'elmo di Scipio, condotta da Enrico Deaglio) di aver votato per D'Alema. Avvalorando, così, le rimostranze di Mantovano & C. nei confronti di Fitto e del suo partito nel partito, quel Cdl che stava per Centro democratico per le libertà.

Modificato da - popolacciogallipolino on 16/09/2008 18:09:15
 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 278  ~  Membro da: 06/04/2003  ~  UltimaVisita: 20/02/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

busehexe
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 16/09/2008 :  19:31:34  Mostra Profilo  Aggiungi busehexe alla Lista Amici
Citazione:
Complimenti Busehexe le tue parole sono vera poesia !!!!! Però a volte la realtà può sembrare diversa,purtroppo! Cerchiamo tutti e dico tutti di tornare alla legalità ; sottolineo il tutti non riferendomi al fatto specifico perchè di legalità e di reali punti di riferimento noi LIBERI cittadini ne abbiamo reale bisogno!!!


senti, libero, mi prendi in giro?.....o sono complimenti veri?

io volevo proprio dire questo: la realtà è molto lontana dalla legalità, molto lontana
per me legalità vuol dire rispetto delle regole, tutte, anche quelle che possono apparire poco importanti
...mi riferisco anche ai piccoli comportamenti insignificanti della nostra vita di ogni giorno...
da lì bisogna cominciare.....

___________________________________________________
Amerai sempre il mare, uomo libero. E' il tuo specchio.
 Paese: Italy  ~  Invii: 205  ~  Membro da: 20/02/2008  ~  UltimaVisita: 11/06/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

libero
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 17/09/2008 :  06:11:58  Mostra Profilo  Aggiungi libero alla Lista Amici
Cara Busehexe non ho mai commentato nessun tuo messaggio e la prima volta che lo faccio sei anche dubbiosa ? Non mi permetterei mai di prendere in giro nessuno se ho qualcosa da dire sono sempre diretto anzi a volte "ruvido"!!! Nel mio brevissimo pensiero anzi non mi sono limitato al gravissimo fatto accaduto ma ho espresso la voglia di legalità a tutti i livelli e per ogni libero cittadino. I riferimenti erano chiaramente legati a tutti quei piccoli grandi soprusi che quotidianamente vengono fatti da "potenti /prepotenti". Ti saluto e non pensare male di me
 Paese: Italy  ~  Invii: 326  ~  Membro da: 09/07/2008  ~  UltimaVisita: 20/03/2010 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

dinomagno
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 17/09/2008 :  09:00:43  Mostra Profilo  Aggiungi dinomagno alla Lista Amici
A leggere la stampa odierna si ha l'impressione che siano partiti i guastatori per cercare di fermare l'azione coraggiosa e decisa avviata dal sottosegretario Mantovano volta a confermare sul territorio la presenza dello Stato. Penso che queste polemiche possano essere tranquillamente interpretate da parte della crimininalità nel senso che in fin dei conti si lo Stato fa la faccia truce ma poi ci si accomoda sempre.
Si sbaglia secondo me ad agitare una sorta di difesa della cosiddetta gallipolinità mettendo le mani avanti e affermando che la città non è mafiosa. Qui non si tratta di "gettare fango su Gallipoli" ma a mio modestissimo parere di verificare approfonditamente se a Gallipoli vige il principio di legalità a tutti i livelli. Partendo dai comportamenti della pubblica amministrazione e finendo ai singoli personaggi e ai singoli cittadini.
E sapere in conseguenza se è vero o no che personaggi della criminalità hanno tentato la scalata attraverso la politica alla gestione della cosa pubblica; se hanno richesto e ottenuto in violazione di leggi favori; se sono stati aiutati e da chi; se è vero o no che hanno partecipato a campagne elettorali direttamente o indirettamente e per quali fini; se è vero o no che nel sistema di alcuni personaggi il voto lo si acquista al mercato delle vacche; se è vero che ci sia stata un'influenza pesante della criminalità sul condizionamento dei comportamenti di parte della popolazione gallipolina.
Mi sembra che il rapporto della DIA parli chiaro e penso che essendo frutto di un lavoro investigativo ha un fondamento che deve servire, come ha specificato Mantovano nella sua Conferenza stampa trasmessa da tutte le emittenti televisive pugliesi a rendere più responsabili gli uomini delle Istituzioni e non solo.
Capisco che purtroppo l'infelice sortita di alcuni uomini delle Istituzioni con la loro partecipazione ai funerali di Padovano ha aggravato la situazione e attivato tutte le azioni di accertamente da parte della Procura e delle Forze dell'ordine. E non poteva che essere così.
Sottovalutare quanto successo o tentare di relegarlo in un caso isolato e privatistico tra esponenti della delinquenza quasi agissero nel deserto non solo mi sembra sbagliato ma dannoso per la stessa comunità in cui viviamo.
La chiusura dei negozi (sembra se ne siano contati ben 40) è il segno evidente che vi è un disagio tra la comunità gallipolina che può essere solo interpretato in un contesto di paure o di soggezzione a certi personaggi. E' di oggi la notizia che anche il Centro per l'impiego di Gallipoli quel martedì dei funerali di Padovano è stato chiuso al pubblico con ordine impartito da Lecce.
Occorre allora continuare nell'investigare il fenomeno accertando fatti circostanze atti della pubblica amministrazione comportamenti personali dentro e fuori dalle stanze di governo non in uno scenario che artatamente si cerca di costruire di natura politica ma esclusivamente giudiziario.
 Paese: Italy  ~  Invii: 320  ~  Membro da: 16/03/2008  ~  UltimaVisita: 25/11/2008 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

dinomagno
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 17/09/2008 :  11:28:36  Mostra Profilo  Aggiungi dinomagno alla Lista Amici
Il Quotidiano di ieri aveva pubblicato questo SMS (Rubrica nota:



Guarda caso oggi il fuoco di sbarramento di barba e compagni.
E' proprio vero...basta poco per prevedere certe reazioni. Conoscendo certi personaggi...
 Paese: Italy  ~  Invii: 320  ~  Membro da: 16/03/2008  ~  UltimaVisita: 25/11/2008 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

kashiwara
Advanced Member



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 18/09/2008 :  12:53:58  Mostra Profilo  Aggiungi kashiwara alla Lista Amici



 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1804  ~  Membro da: 31/08/2007  ~  UltimaVisita: 03/09/2013 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

malatrone
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 20/09/2008 :  07:04:24  Mostra Profilo  Aggiungi malatrone alla Lista Amici
Da questo articolo de "Il Tacco d'Italia" emerge uno incredibile intreccio di eventi e persone:

http://www.iltaccoditalia.info/sito/index-a.asp?id=5268




 Paese: Italy  ~  Invii: 29  ~  Membro da: 17/09/2008  ~  UltimaVisita: 02/01/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

gianni51
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 21/09/2008 :  17:24:50  Mostra Profilo  Aggiungi gianni51 alla Lista Amici
Rieccomi. Da tempo frequento queste pagine per informarmi e spesso per divertirmi un po’. Non male le ironie, non male le battute. Faticosissime da tradurre per chi arriva dal profondo nord quelle in dialetto. In questi mesi di permanenza in Salento, in particolare a Gallipoli dove ho amici preziosi, ho imparato giorno dopo giorno ad amare senza condizioni molte cose. Le persone, il cibo, il mare, la natura. Albe e tramonti. E ne ho parlato in un sito amico che ospita mie elucubrazioni nel basso Piemonte. Però ora mi vengono poste domande. E sono richieste pesanti. Lo sono perché non è agile comprendere. Dopo l’omicidio di Ugento provai a scrivere qualcosa. Poi arriva la sparatoria di Gallipoli, ancora ci ho provato. Poi l’altro di pochi giorni fa. Certi fenomeni vengono percepiti, al nord, come endemici e ineludibili, ma circoscritti geograficamente. Non è assolutamente vero, infatti mi sono trovato a scrivere: “... Perché dietro tutto si nascondono trame che detengono le fila dell’economia del sud. E non solo del sud purtroppo. Perché i traffici di droga, di armi, di danaro riciclato riguardano tutti, ma proprio tutti. Pensare di esserne immuni, solo perché si vive un po’ più a nord è idiota e miope.” Non amo citarmi, ma non riesco a trovare parole diverse per dirlo. Soprattutto dopo aver riletto l’ultima intervista di Dalla Chiesa a Bocca, in cui si diceva che le mafie stanno facendo affari d’oro a Milano e in tutto il nord. E dopo un’altra intervista ad Ayala in occasione dell’anniversario del massacro di Falcone in cui diceva “…Non riusciremo a sconfiggere le mafie in Sicilia e altrove se non le debelliamo a Roma…” Mi ritrovo da una parte a difendere a spada tratta le bellezze (non solo paesaggistiche) di questo sud. E l’onestà di chi ci vive. E lo faccio con la consapevolezza di rivolgermi (in quel sito) a persone che debbono vivere e combattere ogni giorno contro il dilagante razzismo di troppi leghisti che vorrebbero veramente erigere un muro appena sopra l’Arno. Perché abbiamo scoperto, e si sta sdoganando, il razzismo più bieco verso gli immigrati, verso chi è diverso. E perchè questi momenti sono la lunga mano di altri episodi che risalgono agli anni 60. “Non si affitta agli immigrati”. Lo ricordo con terrore, si ripropone con il placet, oggi, di partiti di governo. Perché si tende a dire che le mafie, tutte le mafie, appartengono al sud. Quasi dando per scontato che siano cose che non ci riguardano. Mi è arrivato un sms da un’amica molto attenta. Diceva “ma fra quelle meraviglie di paesaggi che descrivi si celano molte vipere?” Lo spettacolo di un parlamentare e di alti esponenti politici locali che portano le condoglianze ha fatto in fretta il giro delle televisioni evidentemente. La risposta è ovvia e scontata: Il Salento è terra pulita. Ed è stata un’affermazione che non ammetteva repliche. Perché dobbiamo imparare a combattere ogni razzismo che nasce dalle generalizzazioni. Perché un rumeno assassino non è tutti i rumeni. Ed un mafioso non è tutto il sud. Pare ovvio. Non lo è, credetemi. Anzi.
Ho letto con attenzione i messaggi postati in questo forum. Devo dire che non tutto mi è chiaro perché appartiene a voi e al vostro vissuto. D’altra parte non posso pretendere di capire tutto e in fretta. Non è umanamente possibile. Al momento l’unico messaggio che ho inviato nel profondo nord a chi frequenta quel sito è di solidarietà e di consapevolezza che il problema (e Bossi dica quel che vuole) è di tutti noi. Perché l’Italia è fatta, gli italiani pure. Perché c’è un lungo filo rosso che lega le Alpi allo Ionio. Faticosi discorsi in tempi di recessione economica e culturale. Ma cose da dire proprio perché i momenti sono pessimi e la voglia di vivere molta. E soprattutto bisogna spezzare i muri di silenzi fra sud e nord. Scusate l’intrusione e la poca chiarezza di concetti. A presto.
 Paese: Italy  ~  Invii: 45  ~  Membro da: 30/04/2008  ~  UltimaVisita: 28/04/2010 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

dinomagno
Advanced Member


Stato: Sconnesso

 Spedito - 22/09/2008 :  10:18:50  Mostra Profilo  Aggiungi dinomagno alla Lista Amici
Gianni51, sei stato chiarissimo e condivido con le tue considerazioni.
Immaginavo che altrove e al nord più di ogni luogo si sarebbe giudicato per quel che merita l'atteggiamento degli uomini delle Istituzioni, Sindaco in testa, riguardo alla loro presenza ai funerali di Padovano. Il sindaco si è dichiarato pentito e tutto sembra assodato(??) tant'è che è calato il silenzio.
Avesse avuto più coscienza del suo ruolo e responsabilità quel sindaco si sarebbe dovuto dimettere senza esitazioni. Invece...ha trovato anche il fuoco di sbarramento di alcuni uomini politici contro l'eventualità dello scioglimento del Consiglio comunale. Io penso che lo Stato avrebbe dovuto far sentire tutta la sua autorità e assieme ai partiti avrebbe dovuto premere decisamente per le sue dimissioni.
Sarebbe servito a dare segnali inequivocabili tali da impedire per il futuro ogni contatto con le mele marce del nostro bel suolo salentino.
Ma io ho fiducia che questa volta con la presenza di un magistrato capace ed integerrimo quale il Procuratore Motta e l'azione politica del sottosegretario Mantovano sulla vicenda e sui comportamenti di singoli e Istituzioni sarà fatta piena luce.
 Paese: Italy  ~  Invii: 320  ~  Membro da: 16/03/2008  ~  UltimaVisita: 25/11/2008 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

brenno
Moderatore



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 22/09/2008 :  22:30:32  Mostra Profilo  Aggiungi brenno alla Lista Amici
bentornato Gianni, è sempre con molto interesse che leggo i tuoi post, mi affascinano e mi piace il tuo stile pacato.
Non è facile risponderti perchè dovrei andare indietro nella storia, dovrei cercare di spiegare come nasce il carattere "spigoloso" dei salentini, come è stato forgiato dal tempo e dall'asprezza di questa terra.
Vediamo un po', comunque, cercherò di essere chiaro e, spero, non noioso.
Questa è sempre stata terra di conquista, è sempre stata terra asservita a duchi, baroni e quant'altro, è sempre stata terra di grossi latifondisti. Qui la gente ha sempre avuto la convinzione che lo Stato fosse lontano, era a Napoli al tempo dei Borboni e successivamente a Roma e partire, per esempio, da Gallipoli per Napoli o Roma significava intraprendere un viaggio lungo, sfiancante e, magari, periglioso. Questa lontananza fisica è stata anche intesa come lontananza delle istituzioni. Ecco che allora la gente si organizza, cerca di supplire alle carenze di uno Stato lontano ed allora "elegge" un "ras", un capo, colui che difende i deboli, colui che media tra poteri forti e classi meno agiate. Non dimenticare che la Puglia è una regione "sui generis", tanto per farti un esempio i dialetti cambiano anche a distanza di pochissimi kilometri. E' prova, questa, del fatto che più che una regione si tratta di una "confederazione" di tribù che, come tutte le tribù, hanno bisogno di un proprio capo, di un proprio consiglio degli anziani.
Da noi sono passati molteplici popoli, abbiamo visto innumerevoli conquistatori, ogni volta ci siamo "plasmati" per sopravvivere ma, in fondo, siamo riusciti anche ad affermare la nostra "salentinità", siamo riusciti ad assorbire i costumi degli altri e abbiamo "imposto" i nostri. Non ci siamo mai piegati supinamente.
Torniamo a noi però, dicevo che le popolazioni decisero di "eleggere" i propri capi. Non si trattava di una vera "elezione", l'eletto, come ogni capo, era il più forte, il più coraggioso, colui che poteva imporre la propria autorità anche e soprattutto con l'ausilio della forza. Da qui al brigantaggio il passo è breve come breve è il passo fino a quella che, in seguito, fu chiamata mafia, camorra, ndrangheta, stiddha e, via via fino ai giorni nostri, S.C.U..
Quante volte non abbiamo ascoltato i discorsi dei nostri anziani che raccontavano di regole da rispettare, di codice d'onore e di sgarbi lavati con il sangue? quanti ragazzini non hanno mai pensato che, in fondo, si trattava di "brave persone" dedite solo a "mantenere l'ordine"? e che dire dei tanti latifondisti che si servirono dei briganti per far mantenere bassa la testa ai contadini? La storia del bandito Giuliano e della strage di Portella della Ginestra è sintomatica del fatto che lo Stato, non riuscendo ad affermare la propria supremazia, si servì di coloro che erano radicati sul territorio e che rappresentavano la "forza".
Questi, per sommi capi, i trascorsi di questa terra. Da qui dobbiamo partire per capire quali siano i meccanismi che si innescano.
Unità d'Italia e successivamente Repubblica non hanno minimamente sradicato la convinzione che lo Stato fosse lontano, le politiche "in favore" del Mezzogiorno non hanno assolutamente aiutato queste terre a spiccare il volo. Conveniva mantenere lo status quo, conveniva mantenere l'industrializzazione al nord e la "terra" al sud perchè ciò significava contare su un enorme serbatoio di manodopera a basso costo da prelevare al sud.
Il posto fisso diventa la ragione di vita di tanti, ci si affida al potente di turno per migliorare la propria vita anche se ciò significa partire, anche se ciò significa abbandonare affetti e radici e ritrovarsi in un ambiente "ostile", a fare lavori pesanti, ad elemosinare una giornata di lavoro alla stessa stregua di quanto accadeva a casa. Però "andare al nord" è l'illusione di una vita migliore, è la "terra promessa". Qui inizia la teoria del clientelismo sfrenato, i potenti capiscono che possono contare su un inesauribile serbatoio di voti in cambio di un posto di lavoro. Qui iniziano a diventare ancora più forti i "ras", coloro che mediano tra il potente di turno e i "clientes", coloro che riescono ad ammettere alla presenza di colui che conta la povera gente che si sentirà, da quel momento, in eterno obbligo.
Tutt'ora è così, quanti di noi ricorrono "all'amico" per ottenere una qualsiasi cosa che può essere il rilascio di un certificato o la promessa di un posto di lavoro per il proprio figlio? Tutto il mondo è paese, però, le stesse cose accadono al sud ma anche al nord, solo che qui al sud rimane l'unico modo per ottenere le cose perchè noi stessi scegliamo di calpestare i nostri diritti.
E' per questo che non mi sono meravigliato per quanto è successo con l'omicidio padovano, sono sicuro che non esiste nessuna infiltrazione, si tratta di "rispetto" verso un "ras", nessuna macchinazione diabolica, nessun intrigo, solo "rispetto" e, forse, paura. Paura di quello che potrebbe accadere ma che non è detto che accada. "tanto non mi costa nulla" avranno sicuramente detto coloro che hanno abbassato le saracinesche, oppure "io non ho mai avuto problemi". Questa è la chiave di lettura che io vedo in questa storia.
Nonostante abbia apprezzato la subitanea "risposta" di Mantovano non sono convinto che la "politica" sia infiltrata o, almeno, non al punto da sciogliere il consiglio comunale.
Non so se sono riuscito a chiarire le idee di un piemontese, non so se sono riuscito a far leggere oltre le righe. Mi rendo conto che, forse, sono stato confusionario e me ne scuso. Facciamo così, mi appello agli altri utenti, cerchiamo di rendere chiaro ad un "nordista" trapiantato e curioso il nostro modo di fare e di vivere

__________________________________________
Posso resistere a tutto ma non alle tentazioni

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1365  ~  Membro da: 25/07/2001  ~  UltimaVisita: 28/10/2020 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

abatem83
Advanced Member


Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 25/09/2008 :  14:40:33  Mostra Profilo  Aggiungi abatem83 alla Lista Amici
Ultimissime di cronaca giudiziaria.Sequestrati dalla magistratura la delibera di Giunta n. 60/2008 di “Concessione del Patrocinio alla presentazione del romanzo "DA CIANO ALL'11 SETTEMBRE" - Sabato 9 agosto 2008 - Piazzale Marinai d'italia”. In effetti la delibera non è di semplice patrocinio ma anche con l’impegno di spesa per l’acquisto di 30 copie del libro, amplificazione e gruppo bandistico. Sequestrata anche la determina di liquidazione per circa 800 € fatta da De Marini la segretaria del Sindaco ma anche incaricata(dallo stesso Sindaco) della sostituzione per malattia della Dirigente De Lorenzis.
Il sequestro è legato sicuramente alle indagini in corso sui rapporti della amministrazione e singoli personaggi con Salvatore Padovano. Grande incazzatura della Dirigente perché sulla determina compare anche il suo nome pur essendo assente.
 Paese: Italy  ~  Invii: 417  ~  Membro da: 14/03/2008  ~  UltimaVisita: 17/12/2008 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

brenno
Moderatore



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 26/09/2008 :  16:16:42  Mostra Profilo  Aggiungi brenno alla Lista Amici
a conforto di quanto detto da abatem83:

http://www.gallipolivirtuale.com/acnews/news.asp?id=1674

....non che ci fosse bisogno di "prove" per le affermazioni di abatem83 ma visto che l'articolo è sul giornale tanto vale......

__________________________________________
Posso resistere a tutto ma non alle tentazioni

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1365  ~  Membro da: 25/07/2001  ~  UltimaVisita: 28/10/2020 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

abatem83
Advanced Member


Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 05/10/2008 :  10:20:00  Mostra Profilo  Aggiungi abatem83 alla Lista Amici
La stampa a scoppio ritardato? I giornali di oggi dal Quitidiano a Paese Nuovo la notizia sulle indagini in corso circa i presunti rapporti tra comune singoli politici e Salvatore Padovano. In verità molte acquisizioni di documenti sono state fatte presso gli uffici comunali dalla Polizia e dalla Guardia di Finanza (Chissaà non si fidano a vicenda e ognuno vuole essere protagonista. Così vanno le cose in Italia). Cinque i casi citati in cui il rapporto con i politici e l'istituzione sembrano puzzare.
Ci entrerebbero politici di maggioranza e di opposizione.
Qualcuno in giro parla di scioglimento del Consiglio.
Io non ci credo e preferirei che per una volta la magistratura facesse chiarezza rapidamente.
Io sono convinto che nessuno sarà chiamato a rendere conto. Anche se la città alla fine pagherà il conto più salato, come al solito, per questa politica di m@er@a.
 Paese: Italy  ~  Invii: 417  ~  Membro da: 14/03/2008  ~  UltimaVisita: 17/12/2008 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

brenno
Moderatore



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 05/10/2008 :  11:07:42  Mostra Profilo  Aggiungi brenno alla Lista Amici
Citazione:
La stampa a scoppio ritardato? I giornali di oggi dal Quitidiano a Paese Nuovo la notizia sulle indagini in corso circa i presunti rapporti tra comune singoli politici e Salvatore Padovano. In verità molte acquisizioni di documenti sono state fatte presso gli uffici comunali dalla Polizia e dalla Guardia di Finanza (Chissaà non si fidano a vicenda e ognuno vuole essere protagonista. Così vanno le cose in Italia). Cinque i casi citati in cui il rapporto con i politici e l'istituzione sembrano puzzare.
Ci entrerebbero politici di maggioranza e di opposizione.
Qualcuno in giro parla di scioglimento del Consiglio.
Io non ci credo e preferirei che per una volta la magistratura facesse chiarezza rapidamente.
Io sono convinto che nessuno sarà chiamato a rendere conto. Anche se la città alla fine pagherà il conto più salato, come al solito, per questa politica di m@er@a.

Originariamente inviato da abatem83 - 05/10/2008 : 12:20:00





non posso fare a meno che quotare in toto abatem83. in tutto e per tutto ciò che dice. Solo non mi spiego una cosa: come mai dagli atti si evince che il comune ha acquistato 30 copie del libro di padovano e la stampa oggi, invece, dice che le copie acquistate sono ben 600???

__________________________________________
Posso resistere a tutto ma non alle tentazioni

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1365  ~  Membro da: 25/07/2001  ~  UltimaVisita: 28/10/2020 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

abatem83
Advanced Member


Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 05/10/2008 :  11:13:22  Mostra Profilo  Aggiungi abatem83 alla Lista Amici
Penso sia un errore fatto da Telerama ieri e ripetuto oggi dalla stampa. Sarebbe interessante capire come nasce la notizia e come viene divulgata. L'errore secondo me nasce dal fatto che il comune ha speso 600 euro per 30 copie. Un dato che è stato diffuso all'inverso: 600 copie per euro???
 Paese: Italy  ~  Invii: 417  ~  Membro da: 14/03/2008  ~  UltimaVisita: 17/12/2008 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

brenno
Moderatore



Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 05/10/2008 :  14:27:58  Mostra Profilo  Aggiungi brenno alla Lista Amici
è questa sicuramente la spiegazione, nella delibera si parla di 800 euro di cui 600 e rotti per l'acquisto di 30 copie e il resto per l'organizzazione dell'evento......
continuo a vederlo come uno scivolone dell'amministrazione a prescindere dalla somma, tenendo anche presente che molte associazioni chiedono contributi e gli viene risposto che non c'è soldi........certo, non scrivono libri .........

__________________________________________
Posso resistere a tutto ma non alle tentazioni

 Illustre conforumiano
 Paese: Italy  ~  Invii: 1365  ~  Membro da: 25/07/2001  ~  UltimaVisita: 28/10/2020 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

abatem83
Advanced Member


Stato: Sconnesso
Membro Valutato:


 Spedito - 05/10/2008 :  15:37:00  Mostra Profilo  Aggiungi abatem83 alla Lista Amici
E non vanno neppure alla presentazione dei libri degli altri. Come per la presentazione dello Spartaco.
 Paese: Italy  ~  Invii: 417  ~  Membro da: 14/03/2008  ~  UltimaVisita: 17/12/2008 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina

Luigi De Tommasi
Average Member

Stato: Sconnesso

 Spedito - 05/10/2008 :  17:44:00  Mostra Profilo  Aggiungi Luigi De Tommasi alla Lista Amici
Sarebbe interessante conoscere il contenuto della determinazione della dirigente del servizio o meglio, mi correggo, della sostituta della dirigente incaricata con un atto illegittimo e da annullare in autotutela dalla stessa dirigente che è rientrata in servizio ( è un consiglio che mi permetto di dare ad una persona che stimo e che ritengo essere preparata, attenta e mi pare anche corretta) per vizio di incompetenza perchè adottata da un funzionario che non aveva legittimazione.
E consiglio anche al Sindaco di revocare l'ordinanza con la quale a suo tempo, e per un periodo superiore a dieci giorni dall'assenza della dirigente, affidò l'incarico alla Dr. De Marini di sostituire la Dr. De Lorenzis, perchè illegittima per violazione di legge(regolamento).
Se ci fosse qualche consigliere disponibile a farsi consegnare copia dall'ufficio archivio delibere e determine di Palazzo Balsamo potremmo vedere su quale capitolo di spesa hanno imputato la somma. Spero che non l'abbiano imputata al capitolo interventi a favore della cultura, o peggio,a favore della scuola , dal momento che i libri dovrebbero essere distribuiti alle scuole come affermato in delibera. A proposito abbiamo a gallipoli 30 istituti scolastici? Forse non arriviamo a quel numero neanche compendendovi l'istituto del Preside Benvenga. Ma forse quelli che resteranno potranno essere regalati come omaggio del Sindaco agli illustri ospiti che vengono ricevuti in città. Forse lo hanno anche consegnato al Sindaco di Betlemme recentemente in visita a Gallipoli?.
Mi chiedo , per una valutazione scientifica, se tale spesa possa essere annoverata tra quelle per le quali vi debbano essere i requisiti dell'utilità e della necessità, e che la spesa costituisca un indubbio vantaggio in termini di prestigio per l'amministrazione, condizioni che da sole potrebbero giustificare l'acquisto o la liberalità.
Forse potremmo interessare della questione i revisori dei conti affinchè possano eventualmente, se non rilevassero tali requisiti, interessare la Corte dei Conti in modo tale che i nostri amministratori possano correre ai ripari ed annullare anche la delibera con la quale hanno dato il patrocinio alla manifestazione ed autorizzato la spesa.
Non lo so se gli amministratori saranno capaci di riconoscere l'errore.
Se lo facessero potremmo anche dire che erano in buona fede, altrimento dovremmo sperare nell'azione dei revisori ed eventualmente in qualche cosigliere comunale che dovrebbe porre un quesito ai revisori medesimi o interessare la Corte dei Conti.
Insisto sulla necessità di avere copia della determina;potremmo così continuare a palarne!
 Paese: Italy  ~  Invii: 55  ~  Membro da: 05/08/2008  ~  UltimaVisita: 08/12/2009 -> Moderatore  Vai all'inizio della pagina
Pag. di 3 Discussione Precedente: LeccePrima.it Discussione Discussione Successiva: Ci l''ave vistu?  
 Vers.Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Vai a:
 Image Forums 2001 Questa pagina è stata generata in 4,07 secondi Powered By: Snitz Forums 2000